Spotlight Il bavaglio. Le querele temerarie contro la stampa, un problema per la democrazia

St 2022
Ogni anno in Italia vengono notificate circa novemila querele per diffamazione a mezzo stampa. Di queste, 9 su 10 sono infondate, basate sul nulla. Eppure il fenomeno è in costante crescita, così come le richieste di risarcimento esorbitanti, che hanno l'unico scopo di ridurre al silenzio i giornalisti scomodi. In altri Paesi questi abusi vengono sanzionati severamente, in Italia no. Chi querela non rischia nulla, chi è querelato invece, rischia tutto. Ne fanno le spese soprattutto i collaboratori freelance che non hanno una testata giornalistica a tutelarli. E mentre il Parlamento temporeggia su una legge di riforma, attesa da vent'anni e costantemente affossata da veti incrociati e trasversali, l'Europa annuncia una direttiva comunitaria per tutelare i giornalisti da questo tipo di intimidazioni. L'inchiesta di Manuela Lasagna
Vai al titolo