Le serie di RaiCultura.it Museo Nazionale Romano - Terme di Diocleziano

Ep 13
Le Terme di Diocleziano sono una delle quattro sedi del Museo Nazionale Romano, insieme a Palazzo Massimo, Palazzo Altemps e Crypta Balbi. Il complesso monumentale delle Terme di Diocleziano, le più grandi di Roma antica, venne costruito tra il 298 e il 306 d.C. L'edificio, oltre ai tradizionali ambienti con vasche d'acqua di diverse temperature (calidarium, frigidarium e tepidarium), comprendeva un'aula centrale basilicale, la piscina scoperta (natatio) e molte altre sale di ritrovo. Parte del perimetro è, infatti, oggi occupato dalla chiesa di Santa Maria degli Angeli: nel 1561 Pio IV decise di trasformare le Terme in Basilica, con annesso convento. Il lavoro fu affidato a Michelangelo, ormai ottantaseienne, che realizzò la Chiesa, suggerendo probabilmente l'impianto generale della Certosa e il disegno del Chiostro grande. La costruzione ebbe svariate interruzioni per mancanza di fondi e si prolungò per tutto il Seicento e in parte anche oltre. Nel 1889 il complesso divenne la prima sede del Museo Nazionale di Antichità Romane e vi furono raccolte diverse collezioni archeologiche ed i ritrovamenti avvenuti a partire dal 1870 nei grandi cantieri che adeguarono Roma al suo nuovo ruolo di Capitale del Regno d'Italia. Il percorso museale si snoda tra alcune delle Grandi Aule superstiti, tra le quali l'Aula X, uno degli ingressi monumentali alle Terme, dove sono collocati il sepolcro dei Platorini, scoperto nel 1880 nell'area della Lungara sulla riva destra del Tevere e qui allestito in occasione dell'Esposizione Universale del 1911, e due tombe a camera ricavate all'interno di un grosso nucleo di tufo, rinvenute nel 1951 lungo la via Portuense
Vai al titolo