Le serie di RaiCultura.it L'oboe Tra grottesco e pastorale

Ep 28
L'oboe è uno strumento a fiato ad ancia doppia e appartiene alla famiglia dei legni. Ha un suono sottile e molto intenso. Trai suoi progenitori possono essere individuati l'antica ciaramella e altri strumenti dell'antico Egitto, della Cina, dell'Arabia, della Grecia e dell'India. Dopo le innovazioni determinanti del periodo barocco, è nel XVIII secolo che lo strumento acquisisce una forma simile a quella attuale, che gli dà un timbro più morbido e una maggiore gamma dinamica. Dalla metà dell'Ottocento, intervengono nuove, radicali trasformazioni. Attualmente, il sistema di meccanica più usato e diffuso, di fatto lo standard nella maggior parte dei Paesi europei, negli Stati Uniti e in Giappone, è stato adottato nel 1902 e perfezionato nel 1906. Dal Barocco a Mozart, poi una pausa in periodo Romantico, per riprendere con Richard Strauss e nel Novecento e oltre: il repertorio per oboe è vastissimo. In questo episodio della serie Strumenti, Francesco Pomarico, primo oboe dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, racconta lo strumento a partire dal momento in cui decise di "adottarlo" come il proprio strumento d'elezione. Poi, ne descrive la morfologia, il timbro, le possibilità espressive, il repertorio (compositori e opere), che maggiormente ne valorizzano le peculiarità, sia da solista, sia in ensemble. Brevi esibizioni live e materiali di archivio intervallano e accompagnano la narrazione.
Vai al titolo