Un giorno in pretura Schiavi Mai - 13/11/2021

St 2021/2255 min
Soumaila Sacko, era un giovane extracomunitario venuto dal Mali, dove aveva lasciato moglie e figli, per costruirsi un futuro migliore. Viveva nella Piana di Gioia Tauro nella baraccopoli di San Ferdinando, nota alle cronache per le condizioni disumane, e per i continui incendi. Sacko era bracciante e sindacalista molto impegnato. Viene ucciso in un caldo pomeriggio estivo, il 2 giugno del 2018, con un colpo di fucile alla testa, in un terreno vicino Rosarno (località Tranquilla) dove si era recato con alcuni amici per prendere delle lamiere da una vecchia fornace abbandonata. Accusato di omicidio volontario è un agricoltore calabrese di 45 anni, Antonio Pontoriero.
Vai al titolo