Agorà Il rifiuto di AstraZeneca - 24/03/2021

St 2020/213 min
Vigili urbani, personale delle forze dell'ordine, insegnanti e addirittura personale sanitario. Il 50% circa di coloro che avrebbero dovuto ricevere il vaccino di Astrazeneca non si è presentato all'appuntamento. Su 180 vigili urbani convocati per il 21 marzo, hanno disertato il vaccino quasi in cento, mentre il loro comandante, Ciro Esposito il vaccino lo ha fatto e lancia un appello: "Le vaccinazioni sono facoltative, ma invito anche altri a fare la vaccinazione, in modo da ridurre le possibilità di contagio". Scarsa affluenza anche per i docenti e il personale amministrativo di scuole e università: su 421 convocati lo scorso 21 marzo, se ne sono presentati solo 272. Insomma, se già prima c'era qualche timore, il recente stop europeo al vaccino ha forse ampliato le paure. Il giudizio positivo di EMA evidentemente, a Napoli, ma non solo qua, non ha rassicurato a sufficienza e la ripartenza delle vaccinazioni con Astrazeneca procede a rilento. Ma, chi ha rifiutato, come verrà gestito? Finirà, come si è detto, infondo alle liste, o avrà la libertà di scegliere di fatto il vaccino che preferisce, aspettando magari che arrivi Jansen, quello della americana Johnson&Johnson? Quanto, queste defezioni, rallentano la campagna vaccinale? E le dosi rifiutate a chi andranno? Da Napoli il racconto di Carlo Bravetti.
Vai al titolo