Sulla via di Damasco

Don Vinicio e i suoi ragazzi

St 2020/2129 min
Una Comunità diventa proposta di speranza per il 2021. A Sulla Via di Damasco, l'esempio di umanità della Comunità di Capodarco, con la partecipazione del suo presidente, don Vinicio Albanesi. Eva Crosetta incontra questo intelligente "prete di strada", inquieto e visionario, che ha teso le mani agli ultimi tra gli ultimi, a quei disabili mentali che all'inizio, in quel Natale 1966, viaggiavano tra i carri merce insieme alla posta, concepiti come "scarti". "La disabilità non annulla i sogni, li raddoppia," è il pensiero del sacerdote marchigiano, che ha accompagnato la vita dei fratelli Giovanni e Giacomo Spartano, tra i protagonisti della puntata. "L'uomo di oggi è orfano della sua umanità –ha detto Don Vinicio; ha perso la capacità di sognare". E sulla pandemia, ha aggiunto: "tra l'isolamento e la paura, abbiamo scelto di prendere i remi in barca, sbagliando. Serve, invece, aprirsi, sognare, costruire". All'interno del programma di Vito Sidoti, anche alcuni ritagli di vita comunitaria, dal centro San Girolamo al centro Arcobaleno, con le storie di chi ha ritrovato la dignità dopo l'emarginazione e la solitudine: due realtà, immerse tra le colline marchigiane che guardano l'Adriatico, dove l'umanità guarisce e ritrova uno spazio di vita. Regia di Alessandro Rosati.
Vai al titolo