Mezz'ora in più No mascherine, niente multe: il caso Svezia

St 2020/21
Nessun obbligo di mascherina e nessuna multa, persino negli ospedali non si indossano protezioni individuali. I contagi in questa seconda ondata tendono ad aumentare e toccano i 6mila casi settimanali. A dicembre è previsto il picco. Le scuole sono aperte, fino alle 22 anche i ristoranti. E solo da venerdì scorso le scuole superiori applicano la didattica a distanza. I taxi a Stoccolma portano i tamponi rapidi a casa. Tutto per tenere le persone in casa. Le raccomandazioni sono seguite dai cittadini in uno strettissimo rapporto di fiducia con le istituzioni. E qui in Svezia il volto dell'Istituzione non è il presidente del consiglio ma lui, Tegnell, l'epidemiologo di stato a cui la politica ha lasciato la gestione del covid. Ogni settimana in conferenza stampa Tegnell fa il punto sulla situazione e appena cerchiamo di avere una risposta sull'alto numero di morti, veniamo zittiti. Servizio di Francisca De Candia
Vai al titolo