Frontiere La lunga convalescenza

St 2020/2150 min
Mentre in Russia e in Inghilterra ha preso il via la campagna di vaccinazione, in Italia ci si prepara a un Natale difficile, cercando nuovi modi per celebrare le feste, mentre si teme un esodo di massa prima dello stop agli spostamenti. Cambiano le abitudini, come l'orario della tradizionale Messa di mezzanotte, che ha sconcertato molti cattolici, ma non i vescovi e neppure il Papa, ma come passeranno le festività i tre milioni di anziani che vivono da soli? Quelli che ci aspettano sono venti giorni fondamentali non sotto l'aspetto religioso e sociale, ma anche economico: il Natale vale tre mesi di fatturato. Un momento cruciale anche per le nostre piccole e grandi località sciistiche, dove però gli impianti resteranno chiusi fino al 7 gennaio. Intanto anche il settore dello spettacolo soffre, ma reagisce, inventando nuovi modi di fare show. Come ha detto il commissario Arcuri ci aspetta la più grande vaccinazione di massa che la storia ricordi. Ma prima che abbia effetto passeranno mesi. Nel mentre ci attende un inverno preoccupante, con il picco dei virus respiratori e dell'influenza tra gennaio e febbraio, e non solo: il Covid ha monopolizzato l'attenzione sulle malattie, creando così un buco per altre patologie non meno pericolose. Di tutto questo e molto altro parleranno giornalisti, esperti e addetti ai lavori come Cristina Marconi, Paolo Crepet, Walter Ricciardi, Maurizio de Giovanni, Mons. Vincenzo Paglia, il direttore di Oncologia Medica dell'Istituto Nazionale Regina Elena di Roma Francesco Cognetti, il presidente Nazionale degli Ordini dei Medici Filippo Anelli, il presidente della Fondazione GIMBE Nino Cartabellotta.
Vai al titolo