Agorà Estate La crisi mette in ginocchio il suo ostello - 0/07/2020

St 20203 min
A 53 anni Silvana è tornata a lavorare la terra. Lei è una delle migliaia di persone che in Italia, a causa della pandemia, sono cadute in povertà. La crisi economico-sociale che ha colpito il nostro paese, infatti, ha provocato la perdita di posti di lavoro. Coldiretti stima oltre un milione di nuovi poveri che hanno addirittura bisogno di aiuto per mangiare, facendo salire a 3,7 milioni il numero totale di indigenti. Tra questi c'è Silvana che da tre anni, insieme alla figlia maggiore e al marito, gestiva un ostello a Torino. Con il lockdown il turismo crolla e la piccola impresa familiare si blocca. Contemporaneamente il marito si ammala. Silvana non si perde d'animo e trova subito lavoro in un'azienda agricola di Settimo Torinese (TO) per la raccolta e la consegna a domicilio di prodotti ortofrutticoli. Silvana oggi continua a lavorare in questa azienda che dà lavoro a tanti altri italiani e stranieri che come lei ogni giorno cercano di resistere alla crisi economica dovuta alla pandemia. E infatti nei campi si trovano molti italiani oltre a Silvana. Ad esempio un fornaio che ha perso il lavoro. Tutti a sostituire immigrati stagionali che non riescono a venire in Italia causa Covid. Ci raccontano tutto Tommaso Giuntella e Giuseppe De Masi.
Vai al titolo