Agorà Estate A Bolsena la "protesta delle lenzuola" condivisa da esperti - 23/07/2020

St 20203 min
Siamo tornati sul lago di Bolsena dove la centrale geotermica autorizzata a Castel Giorgio (Terni, Umbria) fa ribollire i comuni della Tuscia e del ternano. Energia pulita, che però accende varie preoccupazioni tra i sindaci e i cittadini di quelle zone per l'impatto ambientale sul lago di Bolsena e per timori sismici, visto che il lago di Bolsena è vulcanico. E perché loro ritengono che ci sarebbero emissioni termiche che però i costruttori negano con forza. I cittadini di Marta e di altre località hanno protestato esponendo lenzuola alle finestre. E stanno facendo sentire la loro voce. Tommaso Giuntella sono tornati a Marta e Bolsena con il fisico tedesco Georg Wallner che da 25 anni si è trasferito da Monaco su quel lago che, cartina geotermica alla mano, non ha dubbi. "La protesta è più che fondata. Qui sotto il lago c'è attività sismica: passa una faglia attiva. Una centrale geotermica ha alte probabilità di produrre scosse. Il problema non è certo in sé la centrale geotermica che produce energia pulita. Nella mia città, Monaco, c'è e non crea alcun problema: anzi. E' realizzarla qui che è pericoloso". Gli fa eco da Pozzuoli il vulcanologo che lavora all' Ingv Giuseppe Mastrolorenzo. "A Bolsena - assicura- c'è lo stesso fenomeno e rischio sismico. Di Tommaso Giuntella.
Vai al titolo