Agorà Estate Voglia d'estate, tutti al mare in treno: e il distanziamento? - 29/06/2020

St 2019/202 min
Secondo weekend d'estate e grande sole. Scatta la voglia di mare in tutta Italia. In Liguria in tanti prendono il treno per arrivare nelle spiagge più belle delle Cinque Terre. Ma il distanziamento tra i passeggeri dei vagoni è venuto meno e sui treni è grande folla. Un'ordinanza della regione Liguria (ma anche altre regioni hanno fatto altrettanto, ad esempio l'Emilia Romagna) permette da ieri di occupare tutti i posti disponibili senza più il posizionamento a scacchiera. Ma anche alle biglietterie è ressa. Vengono meno tutte le elementari norme di distanziamento per evitare il contagio. Sui vagoni di controlli nemmeno l'ombra anche se erano stati annunciati. Sulle spiagge invece almeno ci si prova. App per prenotare il posto e volontari per i controlli, anche sulle parti libere del litorale. Ma anche sulle rive l'affluenza e l'entusiasmo superano la prudenza. Il tutto scatena le lamentele dei proprietari dei lidi e dei ristoranti. Loro le regole le devono rispettare, i tavoli e gli ombrelloni sono stati ridotti e hanno perso clienti e incassi. Ma poi anche i camerieri e gli inservienti, per arrivare al lavoro, prendono il treno. E chi assicura che nella ressa di quei vagoni non si prendano il temutissimo Covid-19? Di Giuseppe De Masi
Vai al titolo