Sermonti legge Dante Paradiso, canto XXVI: Mentr'io dubitava per lo viso spento

Spaventato per la perdita della vista a seguito della visione della luce abbagliante di San Giovanni, Dante Alighieri viene esortato dal santo ad attendere il recupero della vista ragionando con lui, confortandolo perché Beatrice ha la capacità di donargli nuovamente il senso perduto. San Giovanni esamina poi Dante sulla carità, dichiarandone l'origine e da dove abbia preso le verità che conosce. Dopo l'approvazione delle sue parole, Dante riacquisisce la vista e vede che alle anime dei tre santi se ne è aggiunta una quarta che Beatrice spiega essere quella di Adamo, cui Dante rivolge numerose domande.
Vai al titolo