Sermonti legge Dante Paradiso, canto XXII: Oppresso di stupore, a la mia guida

Dante incontra lo spirito di San Benedetto, che per primo ha portato la parola di Dio sul monte Cassino, prima abitato dai pagani. L'anima descrive lo stato in cui la sua regola versa, con i monaci sopraffatti dalla cupidigia: una degenerazione che coinvolge anche l'ordine francescano e, naturalmente, la Chiesa stessa. Terminato il colloquio con San Benedetto, Dante Alighieri assurge grazie a Beatrice al cielo delle Stelle fisse e viene esortato a guardare quanta parte dell'universo abbia già attraversato.
Vai al titolo