Sermonti legge Dante Purgatorio, canto XVII - Ricorditi, lettor, se mai ne l'alpe

Usciti dal fumo della III cornice, Dante Alighieri ha delle nuove visioni estatiche con protagonisti Progne, Aman e Amata, esempi di ira punita. Il fulgore emanato dall'angelo della mansuetudine invita Dante e Virgilio a proseguire il loro cammino e i due poeti giungono alla IV Cornice, dove è punita l'accidia. Poiché non possono andare oltre essendo sopraggiunto il buio, Virgilio spiega a Dante la teoria dell'amore su cui si basa il Purgatorio: nelle tre cornici passate, sono espiati peccati di tre diversi amori del male. Rimane l'amore che è volto verso il bene, ma in modo sbagliato: è l'amore degli accidiosi, degli avari, dei golosi e dei lussuriosi.
Vai al titolo