Sermonti legge Dante Purgatorio, canto VII: Poscia che l'accoglienze oneste e liete

Sordello indica a Dante Alighieri e Virgilio i principi negligenti, fra cui Rodolfo d'Asburgo, che oltre ad aver trascurato i suoi doveri spirituali è stato anche manchevole in quelli politici, non avendo custodito la giustizia in Italia. Fra i tanti nobili anche Pietro III d'Aragona e il suo avversario in vita Carlo d'Angiò: i due cantano all'unisono, in una concordia che ora finalmente li accomuna.
Vai al titolo