Sermonti legge Dante Inferno, canto XXIII: Le cappe piombate degli ipocriti

Dante Alighieri e Virgilio procedono soli, timorosi che i diavoli, infuriati per la loro fuga, li stiano inseguendo. I Malebranche si avventano infatti verso di loro e Virgilio afferra Dante per calare lungo il pendio che porta alla VI Bolgia, interdetta ai demoni della V. Qui si trovano gli ipocriti, con indosso pesantissime vesti che rendono lento e grave il loro incedere. Fra questi, oltre a Catalano e Loderingo, vi è il sommo sacerdote Caifas, che consigliò ai Farisei il martirio di Cristo col pretesto di giovare al popolo.
Vai al titolo