Sermonti legge Dante Inferno, canto XVIII: Ruffiani sotto la frusta, adulatori nella merda

Gerione ha deposto Dante Alighieri e Virgilio nell'ottavo cerchio, anche detto di "Malebolge", che accoglie i peccatori fraudolenti in dieci fossati concentrici, le bolge. Nel primo sono puniti ruffiani e seduttori, che corrono sferzati dai demoni in due file parallele e in direzione opposta. Fra i seduttori Dante incontra Giasone, reo di aver ingannato Isifile, mentre tra gli adulatori della bolgia successiva, immersi nello sterco, trova il lucchese Alessio Interminelli, talmente ricoperto di escrementi da essere quasi irriconoscibile.
Vai al titolo