Shoah, storie italiane Becky Behar e l'olocausto del Lago Maggiore

St 1979
Becky Behar, sopravvissuta alla strage del Lago Maggiore, ne racconta l'orrore, secondo in Italia per numero di vittime solo al massacro delle fosse Ardeatine. Tutti gli ospiti dell'albergo Meina vennero uccisi dai nazisti e gettati con delle zavorre nel lago nelle notti del 22 e 23 settembre 1943. Becky era la figlia dell'albergatore Alberto Behar, che poté salvare se stesso e la sua famiglia grazie all'intervento del Console della Turchia.
Vai al titolo