Geo L'olio di argan

St 2019/20
Con la fortezza e i muri bianchi cangianti che stringono il dedalo di vicoli della città antica Essaouira è una perla sull'Atlantico. La Medina con il suo suk ne è l'anima, mentre il porto è il volto che guarda lontano, oltre la costa africana. Importante snodo sull'antica rotta carovaniera delle spezie la città metteva in comunicazione mondi lontani e diversi. Appena si lascia la città verso l'entroterra ci si ritrova in un paesaggio arido, svanisce il clima temperato della costa, la temperatura si alza, e la gentilezza di Essaouira lascia il posto ad estati torride. Qui, nella rada savana, spunta una pianta molto speciale: l'argan. L'argan, cioè l'argania spinosa è un albero nativo del Marocco, una pianta endemica che nasce solo qui. Per la popolazione locale si tratta di una pianta molto preziosa, si utilizzano tutte le sue parti: le foglie e la polpa come foraggio, il legno per il riscaldamento e i frutti per produrre un olio molto raro. Di Aldo Pavan
Vai al titolo