Agorà Violenza ad autisti Atac, viaggio nelle periferie romane - 25/09/2019

St 2019/20
Ieri un'altra aggressione a un autista Atac. Solo tre giorni fa una un'aggressione a un autista Atac nella periferia romana (Boccea, ndr) per mano di un teppista spalleggiato dai suoi amici, ha fatto scattare una serie di misure urgenti a difesa del personale di bordo. La municipalizzata dei trasporti si appella alle istituzioni: "noi da soli, di più di quello che facciamo, purtroppo non riusciamo a fare. E investiamo 20 milioni di euro all'anno per la sicurezza, quella fisica, degli autisti e dei passeggeri". Sono già presenti su 170 autobus di ultima generazione, le cabine blindate grazie alle quali i conducenti limitano al massimo i contatti con chi stanno trasportando. Ma ne servirebbero molte di più, troppe per una città che conta una media di più di una aggressione a settimana e per una realtà con 1,4 miliardi di debiti. Fabio Trappolini ha raccolto le testimonianze di alcune vittime che si sono aperte alle nostre telecamere a volto coperto, per poi trascorrere la notte su una delle linee ritenute ad alto rischio.
Vai al titolo