Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Non disturbare St 2019 Serena Grandi e Pierluigi Diaco - 06/08/2019

Ultimo appuntamento con "Non disturbare", in cui Paola Perego intervista Serena Grandi e Pierluigi Diaco nell'intimità delle loro camere d'albergo. L'attrice bolognese racconta il rapporto conflittuale che da sempre ha col proprio corpo e di come il suo procace sviluppo fisico sia stato una medaglia dalla doppia faccia: da un lato le ha dato grandi opportunità, come la collaborazione con Tinto Brass, di cui rivela come nacque il suo provino per "Miranda", dall'altra gli apprezzamenti a volte eccessivi degli uomini che spesso la soffocavano. Dopo il periodo di maggior successo, durante il quale ha intrecciato una relazione platonica con Pino Daniele e ha ricevuto anche una Ferrari sotto casa da parte di un ammiratore, l'attrice ha conosciuto momenti di sofferenza fisica e psicologica dovuti ad accuse giudiziarie da cui poi è stata assolta, fino al recente ritorno sulle scene con il film "La Grande Bellezza" di Paolo Sorrentino. Paola bussa, poi, alla camera di Pierluigi Diaco, che parte raccontando il suo legame con il cane Ugo, un bassotto a pelo ruvido, che per lui e il suo compagno Alessio è una sorta di surrogato di un figlio. Rivela l'ammirazione per sua madre, che, rimasta vedova, ha dovuto crescere da sola 4 figli, educandoli alla disciplina e al senso del dovere. La mancanza del padre, che Pierluigi ha perso quando aveva solo 5 anni e dal quale ha comunque ereditato la passione per la radio, lo ha portato a cercare altrove figure paterne: tra tutti Maurizio Costanzo, da cui apprende il fondamentale valore della curiosità, Sandro Curzi, che lo introduce per primo in RAI, Giuliano Ferrara, da cui impara l'arte della sintesi nella scrittura, e Gianni Boncompagni, che gli insegna l'importanza della tv jazz, ossia improvvisata. Il giornalista ripercorre gli aneddoti più curiosi della sua vita, mentre non manca una dedica finale al padre Giuseppe, definito "un'amorevole assenza".

Torna su