Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Agorà St 2018/19 Di lotti e di governo - 14/06/2019

stringe. "Vogliamo evitarla, ma servono i fatti" ha detto il commissario Ue Pierre Moscovici, ma il presidente dell'Eurogruppo Mario Centeno, è più tranchant nel chiedere "rispetto degli impegni presi". Non meno tagliente, il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis che sottolinea che "servono aggiustamenti considerevoli". Oggi è intervenuta anche la presidente del Fmi Christine Lagarde che ha espresso preoccupazione per l'assenza di crescita in Italia. Intanto sul fronte interno Luigi Di Maio e Giuseppe Tria frenano sulla flat tax, parlando di un tetto di 70 mila euro. "Si devono abbassare le tasse ma per il ceto medio", dice il vicepremier. E con Salvini? Niente liti. E' bufera invece al Csm, con le dimissioni del terzo consigliere in due giorni. Il ministro di Grazia e Giustizia, Alfonso Bonafede, ha chiesto la procedura disciplinare. Forza Italia chiede al presidente Sergio Mattarella di sciogliere il Consiglio. Intanto Luca Lotti, al centro delle polemiche sul caso delle nomine dei procuratori capo, si difende: "In un incontro ho espresso liberamente le mie opinioni: parole in libertà, non minacce o costrizioni". Ed è scontro anche sui migranti, col caso della Sea Watch 3, la nave della ong con a bordo 52 migranti soccorsi al largo delle coste libiche. Tripoli si è offerta per la prima volta di riprenderli, ma la Ong ha posto un rifiuto. "Tripoli non è un porto sicuro". Altissima la tensione tra il vicepremier Matteo Salvini e l'organizzazione non governativa.

Torna su