Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Passato e Presente St 2018/19 Leonardo da Vinci

Un artista e inventore che incarnò lo spirito del suo tempo, il Rinascimento: Leonardo da Vinci. A lui, in occasione del Cinquecentenario della morte, è dedicato "Passato e Presente". In studio, Paolo Mieli ospita il professor Franco Cardini. La capacità artistica e la precoce intelligenza di Leonardo lo spingono nella bottega di Andrea del Verrocchio, stimato pittore e maestro della Firenze del XV secolo, ma posside anche una curiosità senza pari. La sua fascinazione per i grandiosi schemi naturali deriva dal contatto con le forze della natura. Nel 1480 è alla corte di Cosimo De' Medici e successivamente di Lorenzo il Magnifico. Qui avrà il suo primo approccio con la scultura. Tuttavia, l'ambiente fiorentino sembra non essergli più congeniale. Scrive allora una lettera, indirizzata al Duca di Milano Lodovico Sforza, che sembra essere più una sorta di curriculum vitae, in cui descrive le sue attitudini di ingegnere civile e costruttore di macchine belliche. Inizia a Milano la sua avventura da scienziato. Ma Leonardo va oltre: traduce in scienza applicata le sue intuizioni nel campo dell'ottica, della meccanica, e della fisica. In generale Leonardo rappresenta esattamente l'uomo dell'Umanesimo aperto a tutte le esperienze, il vero protagonista della società. Non a caso il simbolo di quest'epoca viene universalmente raffigurato nel celebre disegno dell'Uomo Vitruviano, pensato e disegnato da Leonardo intorno al 1490. Non pubblicò mai opere compiute, ma dei suoi complessi studi a 500 anni della sua morte, rimangono manoscritti e disegni di schizzi di caricature umane, bozzetti di analisi meccanica, soggetti animali, progetti di idraulica, classificazioni di anatomia, oltre a brevi appunti ed elaborati morali.

Torna su