Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Passato e Presente St 2018/19 La donna che lavora

La Costituzione italiana, in vigore dal 1948, afferma che nel lavoro uomini e donne hanno diritto alla stessa retribuzione. Ma la realtà di quel periodo è ben diversa: per tutti gli anni '50 e '60 un gran numero di donne viene espulso dal mercato del lavoro, nonostante l'impetuoso sviluppo economico italiano. Quelle che lavorano sono sottoposte a sfruttamento - specie le braccianti in campagna e le lavoratrici a domicilio - e soffrono di una forte disparità salariale rispetto agli uomini. Del lavoro delle donne e delle loro conquiste, parlano la professoressa Simonetta Soldani e Paolo Mieli in questa puntata di "Passato e Presente". Nel corso degli anni '60 una serie di leggi, come quella che consente alle donne di entrare in magistratura, aprono la strada verso una più effettiva parità nelle condizioni di lavoro. E negli anni '70, con il movimento femminista, la battaglia per la parità nel lavoro diventa un capitolo importante nella più generale lotta per l'emancipazione femminile. Nel 1975 la rivoluzionaria riforma del diritto di famiglia cancella dal Codice civile la figura del capo famiglia e riconosce la completa parità uomo-donna. La legge finisce per essere un cardine e un punto di non ritorno anche per la successiva legislazione sul lavoro.

Torna su