Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

A Sua immagine St 2018/19 Puntata del 09/03/2019

Paolo Balduzzi incontrerà Rosario, che è nato e cresciuto a Scampia. Non è stato sempre facile, il suo era un quartiere difficile con un alto tasso di criminalità, centro di spaccio e rifugio per tossici. Impara presto a difendersi dal male. Da piccolo trascorre i suoi pomeriggi dividendosi tra la scuola e il campetto di calcio. Sogna di diventare un calciatore, per poter andar via. Proprio quando il suo sogno sta per diventare realtà, la sua vita viene sconvolta: suo cugino rimane ucciso in una sparatoria e così la camorra irrompe nella sua vita. Il protagonista racconterà l'avventura che lo ha portato a diventare scrittore, editore e proprietario della prima libreria di Scampia. Alle 16,15 la linea passerà alla seconda parte con "Le ragioni della speranza". In questo nuovo appuntamento, don Davide Banzato incontrerà a Napoli un artista eclettico, uno dei cantautori che ha fatto la storia della musica del nostro Paese: il grande Edoardo Bennato. Con lui si ripercorreranno i primi anni della sua carriera, i ricordi con Fabrizio De Andrè, i suoi testi più famosi e "rivoluzionari", sempre fuori sistema, fino ad arrivare a oggi, con l'incontro con Papa Francesco e il tema dell'accoglienza. "Dobbiamo essere pronti a salpare - dice Bennato - dobbiamo essere pronti a cambiare mentalità". Accanto alla musica si scoprirà meglio anche un'altra grande passione del cantautore napoletano, forse meno nota: il disegno. Un dialogo sincero, schietto, con un uomo che non si è mai lasciato vincere dalle tentazioni del successo, uno spirito in continua ricerca che ogni giorno prova - come dice una delle sue canzoni più amate - a cominciare da zero. "Cominciare da zero, anzi a volte anche da sotto zero! Questa frase me la ripeto ogni mattina". Questa puntata, prima e seconda parte, andrà in replica su Rai1, la domenica dalle sei alle sei e trenta.

Torna su