Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Provincia capitale St 2019 Palermo - 17/02/2019

Capitale della Sicilia, dei teatri, del liberty, della mafia e dell'antimafia, dei pupi e dei mercati, della fotografia e delle periferie e di molto altro ancora: è la Palermo del Novecento, raccontata da Edoardo Camurri in "Provincia Capitale". Ad accompagnare Camurri alla scoperta della città e delle sue storie è l'antropologo, architetto e scrittore Franco La Cecla che sintetizza in tre parole chiave: famiglie, mafia/antimafia, mattone. Il giovane cronista Vincenzo Marannano si sofferma, invece, sulle luci e le ombre che hanno segnato il recente passato della città, dalle stragi di Capaci e via D'Amelio a Palermo capitale italiana della cultura. E cultura è anche quella incarnata da Mimmo Cuticchio e dell'Opera dei Pupi, patrimonio immateriale dell'Unesco. Con lo scrittore Roberto Alajmo, inoltre, Edoardo Camurri torna sulla storia della mafia e sul rapporto tra Palermo e l'America, mentre la fotografa Letizia Battaglia, 84 anni, fa "parlare" le sue immagini rigorosamente in bianco e nero. Così come parlano le fotografie di Luigi Cocuzza, unico abitante dello stabile dell'ex Hotel Patria, che ritrae volti e vita del quartiere Kalsa, nel centro storico. Tra gli altri protagonisti della puntata, Francesco Giambrone, Sovrintendente del Teatro Massimo, da lui riaperto nel 1997 dopo oltre vent'anni di chiusura; Mariangela Di Gangi e Paolo Di Lorenzo che con il Laboratorio Zen Insieme lavorano per dare un futuro a un quartiere difficile; e Beatrice Monroy, scrittrice e insegnante di Drammaturgia alla scuola di Emma Dante, che fa fare a "Provincia Capitale" un'incursione al mercato del Capo, il più autentico della città. Non manca il consueto Hyde Park Corner con Gianni Miraglia e la sua "Lettera ai Gattopardi", mentre in chiusura un gruppo di cittadini palermitani danno una dimostrazione pratica di cosa siano disposti a fare per prendersi cura di spazi comuni e verdi.

Torna su