Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Linea Verde St 2018/19 Il mondo piccolo di Don Camillo e Peppone

Linea Verde, va alla scoperta di Mondo Piccolo: la bassa parmense scenario delle gesta di Don Camillo e Peppone. Per ricordare Giovannino Guareschi, l'autore italiano più venduto e tradotto nel mondo, a mezzo secolo dalla scomparsa, Daniele Ferolla e Federico Quaranta si muovono tra Brescello e Polesine Parmense, tra regge medievali e gioielli gastronomici. Ma in una puntata così non poteva mancare un altro protagonista: Peppone sulle tracce del suo omonimo "eroe", il sindaco comunista portato sugli schermi dall'indimenticabile Gino Cervi. Da Fernandel-Don Camillo comincia il viaggio di Daniela che come viatico ha la benedizione del Cristo parlante. Daniela esplora la reggia Meli-Lupi, va - a bordo di una fiammante spider in tutto eguale a quella di Giovannino Guareschi - a scoprire i culatelli a Polesine Parmense e infine racconta la scelta radicale e anticonformista come quelle che compì Guareschi - di chi a Parma ha scelto di piantare alberi rinunciando a guadagni milionari là dove la campagna diventa terra edificabile. Daniela intervistando il figlio di Guareschi, Alberto, diventerà la narratrice della biografia e delle terre del grande scrittore. Che molto parla della nebbia e del Po. E lungo il grande fiume Federico Quaranta va alla ricerca del Parmigiano Reggiano che oggi si fa anche kasher, poi in barca con Peppone sfida la nebbia nell'universo liquido del fiume per approdare a Langhirano dove ci svela il valore assoluto del Prosciutto di Parma. Infine, a Modena insieme a Peppone illustra con Massimo Bottura il più celebrato cuoco italiano, la golosità del cotechino. Ma è Peppone a fare la scoperta più sorprendente; con Indro Montanelli conosce Guareschi e riesce per un giorno a farsi cittadino di Brescello: il paese del vero Peppone.

Torna su