Radici Ghana: Zachariah Haruna

ItaliaSt 2018
Zachariah ha preso una decisione importante: è tornato a studiare. Ha appena superato l'esame di terza media ed ora vuole iscriversi alle superiori. Un giorno vorrebbe frequentare l'Università e diventare ingegnere. Zachariah è arrivato in Italia quando aveva 17 anni, nel 2011, l'anno dell'Emergenza Africa. A Lampedusa arrivarono migliaia di africani in fuga dalla guerra e dai bombardamenti francesi in Libia. Zachariah è stato fra i primi minori stranieri non accompagnati, approdati sulle nostre coste. Da allora vive a Padula, in provincia di Salerno. Per due anni è stato ospitato in una comunità della Caritas, poi ha trovato un lavoro e una casa, insieme ad altri quattro ragazzi africani. Davide Demichelis torna a trovarlo tre anni dopo averlo accompagnato nel suo primo viaggio di ritorno in Ghana, dove aveva rivisto per la prima volta suo padre, i suoi fratelli e gli amici che aveva lasciato nella sua città, Kumasi, nel centro del Ghana. Zachariah oggi lavora ancora in un magazzino edile, come tre anni fa, ma la sua vita è cambiata dopo il primo viaggio di ritorno nella sua terra, con Radici. Oggi si sente più forte e sicuro di sé: rivedere la sua gente ed i luoghi della sua infanzia, gli ha permesso di rivalutare il suo passato. Alcune usanze della sua terra però, continua a non condividerle. Prima fra tutte: la poligamia.
Vai al titolo