Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Siti italiani del Patrimonio Mondiale UNESCO I Sacri Monti di Piemonte e Lombardia

Iscrizione alla Lista del Patrimonio Mondiale Unesco 2003. Il sito "Sacri Monti" o "Sacri Monti di Piemonte e Lombardia" consiste in una serie di nove complessi separati situati sulle montagne del nord Italia (Varallo, Crea, Orta, Varese, Oropa, Ossuccio, Ghiffa, Domodossola e Valperga). Questi complessi comprendono numerose cappelle e altri manufatti architettonici, realizzati tra la fine del XVI e l'inizio del XVII secolo e dedicati a differenti aspetti della fede cristiana. Il fenomeno dei Sacri Monti è iniziato a cavallo tra il XV e il XVI secolo con lo scopo di creare luoghi di preghiera in Europa in alternativa alla Terra Santa (Gerusalemme e Palestina). A quel tempo, l'accesso alla Terra Santa era diventato sempre più difficile per i pellegrini a causa della rapida espansione della cultura musulmana. Inizialmente, erano state proposte tre località diverse per la "Nuova Gerusalemme": Varallo in Valsesia, Montaione in Toscana e Braga nel Portogallo settentrionale. Le località erano state selezionate sulla base della somiglianza della topografia con la Terra Santa. Questo fenomeno ha avuto origine soprattutto dopo il Concilio di Trento, quando la Chiesa adottò il ruolo supplementare di combattere l'influenza della Riforma Protestante. Testo di Eugenio Farioli Vecchioli, Domizia Mattei. Con la collaborazione di Arnaldo Donnini, Sergio Macedone, Vincenzo Reale. Regia di Monica Taburchi. Edizione a cura di Antonio Masiello. SI RINGRAZIA: L'ENTE DI GESTIONE DEI SACRI MONTI.

Torna su