Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Diario civile ROCCO CHINNICI: PALERMO COME BEIRUT

La storia di Palermo è così. Una staffetta continua sul filo della morte, un testimone passato di mano in mano, nel corso degli anni più duri. Un funerale dietro l'altro, a chiedersi continuamente chi sarà la prossima vittima. E' successo anche nel 1983, quando un'autobomba esplosa sotto la sua casa di Palermo uccise il giudice Rocco Chinnici, l'ideatore del pool antimafia, nella prima strage mafiosa di stampo terroristico. Col magistrato, rimasero uccisi il maresciallo dei carabinieri Mario Trapassi, l'appuntato Salvatore Bartolotta, e il portiere dello stabile, Stefano Li Sacchi. Uomo schivo e gentile, magistrato determinato e rigoroso, Chinnici ha attraversato la storia della Sicilia, occupandosi della strage di viale Lazio e diventando Consigliere Istruttore nel 1979, dopo la morte di Cesare Terranova. Fu lui a scegliere Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, come uomini di punta del suo pool di magistrati e ha indirizzarli nel metodo investigativo che avrebbe portato all'istruttoria del maxiprocesso, nel 1985. Il racconto della vita di Chinnici si intreccia così agli anni più duri di Palermo, e incontra gli uomini dello Stato che sono caduti per combattere la mafia, uno dopo l'altro, da Emanuele Basile a Pio La Torre, da Carlo Alberto Dalla Chiesa a Gaetano Costa, da Boris Giuliano a Cesare Terranova. A ricordare il giudice Chinnici, insieme alle sue interviste e le immagini di repertorio, le testimonianze della figlia Caterina Chinnici, anche lei magistrato, dell'ex Genarale dei Carabinieri Angiolo Pellegrini, e dello storico Salvatore Lupo

Torna su