Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Linea Blu St 2018 La Grande Guerra sul mare - 03/11/2018

Il 4 novembre ricorre il Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale e Lineablu celebra questo avvenimento con una puntata speciale nella quale Donatella Bianchi accompagnerà i telespettatori in una rilettura di quegli avvenimenti da una prospettiva insolita. Il racconto inizia da Ancona dove, il 10 giugno 1918, il rientro dei Mas comandati dal Comandante Rizzo dopo l'impresa di Premuda, segna il crollo della marina austriaca e l'inizio della riscossa italiana fino alla vittoria. A Luigi Rizzo è dedicata una delle navi più moderne della flotta italiana di oggi che opera in scenari completamente diversi e con tecnologie avanzatissime. Si scoprirà, guidati dal racconto di storici, come le coste dell'Adriatico furono protette non tanto da una flotta di grandi navi, quanto da una geniale invenzione: le navi su rotaia, treni con armamento navale che percorrevano la ferrovia ed erano in grado fronteggiare un attacco dal mare con incredibile tempestività. Si entrerà poi nel cuore di Nave Cavour, la portaerei attuale ammiraglia della flotta italiana, per continuare il racconto di quella guerra dall'angolazione di ciò che resta sotto il mare: relitti come sacrari, ma anche relitti come straordinarie oasi di vita. Sono centinaia le navi, piccole e grandi, pescherecci e transatlantici, colati a picco durante la grande guerra e sono poche quelle delle quali si conosce la posizione. Tutte sono cimiteri di guerra, sui quali nessuno però va a portare fiori. Si vedranno suggestive immagini subacquee alla scoperta di relitti come il Cassini, come il Transylvania, nelle parole di esperti, degli scopritori e dei tecnici della Marina Militare Italiana che dal 2014, in una Campagna Oceanografica dedicata, hanno documentato relitti finora sconosciuti, ritrovati grazie a tecnologie avanzatissime. Molti di questi relitti non erano navi da guerra, ma civili e a loro sono legate migliaia di storie di migranti e lavoratori del mare che sfidarono le insidie degli uboot nemici.

Torna su