#cartabianca Aiutiamoli a casa loro? – 25/09/2018

St 2018/195 min
Siamo andati in Senegal, paese dell'Africa subsahariana, dove ogni anno migliaia di giovani emigrano per raggiungere l'Europa. Il loro viaggio avviene attraversando il deserto fino a raggiungere le coste libiche oppure su piccole piroghe attraverso l'oceano Atlantico. Molti di loro erano impegnati nell'industria della pesca, l'attività economica principale senegalese. Il pesce genera il 20 per cento del Pil del Senegal ed è la principale fonte di proteine per la popolazione. Oggi tutta la filiera ittica è minacciata da centinaia di grandi pescherecci europei e asiatici, navi che possono rimanere in mare per mesi pescando in maniera insostenibile. I pescatori tradizionali con le loro piroghe non riescono a competere con questi giganti del mare e alcuni stock di pesce sono oramai esauriti. I senegalesi temono che il loro mare presto diventerà "un deserto liquido". Di Giuseppe Borello, Lorenzo Giroffi, Andrea Sceresini
Vai al titolo