Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Speciale Tg1 St 2017/18 Borsalino un cappello a Hollywood - 12/08/2018

Borsalino è la storia della fabbricazione di un mito. Negli anni d'oro di Hollywood tutti indossano un "borsalino", un cappello che viene fatto ad Alessandria, in una fabbrica capitanata dalla stessa famiglia per oltre 120 anni. Una storia che tre anni fa è sembrata seriamente a rischio. Dal crac finanziario, alle richieste di concordato respinte fino al fallimento, per l'antica casa Borsalino sembrava non esserci più via di uscita. Per salvare il cappello italiano più famoso al mondo, si era mobilitata tutta Alessandria. Ora, con l'aggiudicazione all'asta, a fine luglio, da parte dell'imprenditore Philippe Camperio, il rinomato marchio vede la luce in fondo al tunnel. A Speciale Tg1, il documentario di Enrica Viola racconta l'incontro tra l'aspirazione di un imprenditore partito dal nulla e la grande industria del sogno che è il cinema del XX secolo, tracciando l'ascesa e il declino del Borsalino, forse il cappello più famoso del mondo. Un mito che nasce nel 1857 per mano di Giuseppe Borsalino un modesto cappellaio che impara il mestiere a Parigi. Rientrato in Italia apre una fabbrica la cui produzione passa dai 35 esemplari giornalieri ai 2000 di fine secolo e che per oltre 125 anni rimane in mano alla stessa famiglia. Diventato un'icona grazie al cinema, il cappello Borsalino è infatti il prediletto del genere noir, che lo adotta come elemento distintivo dei suoi codici e in questo modo entra rapidamente nell'immaginario collettivo. Ciò che accomuna gangsters, poliziotti ed investigatori privati è il Borsalino, la cui ombra ne aumenta l'enigmaticità. Nell'epoca d'oro di Hollywood tutti ne indossavano uno.

Torna su