varNewdfp = "(none)" 
QSTRING = "/video/2018/06/Speciale-Tg1-b632f343-5836-4d41-acf2-5906f2d0ead4-ssi.html"
Speciale Tg1 - Vita di Marzouk - 08/07/2018 - video - RaiPlay
Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Speciale Tg1 St 2017/18 Vita di Marzouk - 08/07/2018

Un musicista tunisino in crisi con la moglie italiana. Un viaggio al bilad, al paese, per la prima volta insieme ai figli, alla ricerca disordinata della propria casa e della propria identità. A Speciale Tg1, in collaborazione con Rai Cinema, "Vita di Marzouk", il ritratto intimo di un tentativo d'integrazione che troverà nell'amore l'unica risposta possibile. Marzouk ha due figli di cinque e sette anni, nati e cresciuti a Napoli, ai quali parla ostinatamente in arabo nell'intento di far crescere in loro la "metà tunisina" delle loro origini. La sua compagna, Elvira, lo ha trascinato in terapia di coppia perché non riesce a comunicare con lui. È nelle pieghe di questa crisi che affiora il rapporto profondo e intenso tra Marzouk e i suoi figli, cresciuti nel ventre della media borghesia occidentale e catapultati d'un tratto nella campagna tunisina, a Tebourba, trenta chilometri da Tunisi, dove il padre li porta per la prima volta a conoscere il bilad. È in questa parentesi di vita tunisina che Alya e Jamal intuiscono il senso della loro "metà". Dal canto suo Marzouk, emigrato ormai da oltre vent'anni in Italia, sembra aver sviluppato una sottile distanza anche dall'ambiente di "casa sua", la Tunisia. Perché alla fine, in questa perpetua condizione di migrante, l'unica sua casa restano Alya e Jamal. Ed è proprio sulla tomba del nonno paterno che Alya gli domanderà con un filo di smarrimento se verrà sepolta anche lei in Tunisia oppure in Italia. Ma è una domanda a cui Marzouk non sa rispondere. Il futuro è aperto, e nessuno dei protagonisti sa come prevedere il percorso della propria identità.

(none)

Torna su