varNewdfp = "(none)" 
QSTRING = "/video/2018/06/Cose-Nostre---Lamezia-brucia-Rocco-si-ribella-e9907da8-066f-4aed-b7e1-9425005de173-ssi.html"
Cose Nostre - Lamezia brucia Rocco si ribella - 05/07/2018 - video - RaiPlay
Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Cose Nostre St 2018 Lamezia brucia Rocco si ribella - 05/07/2018

La seconda puntata di "Cose Nostre" racconta la storia di Rocco Mangiardi, piccolo imprenditore calabrese che ha trovato il coraggio di denunciare i suoi estorsori. Il primo ostacolo arriva per Rocco all'età di 4 anni quando deve seguire la sua famiglia emigrata a Torino in cerca di un lavoro che in Calabria non si trova. Al nord il giovane Rocco cresce lontano dalle influenze criminali che nel suo paese condizionano pesantemente il territorio. Quando fa rientro a Lamezia Terme apre un'attività di autoricambi ma si trova subito a dover affrontare la dura realtà, quella di una città da decenni teatro di crudeli e sanguinarie guerre tra cosche che si combattono per il controllo delle imprese locali. Siamo nei primi anni 2000 e la famiglia Giampà è impegnata in una spietata faida contro la famiglia Torcasio: una guerra che i Giampà finanziano chiedendo il pizzo e ben presto anche l'attività di Rocco viene presa di mira. Lui però non ci sta, si ribella e arriva a collaborare con le forze dell'ordine, aprendo così una profonda crepa nel muro di impunità che sembrava avvolgere il clan. Grazie alla testimonianza di Rocco, infatti, il potente boss Pasquale Giampà detto "millelire" viene condannato insieme ad alcuni dei suoi killer più feroci. È l'inizio della fine per l'intera struttura del clan che cade sotto i colpi inferti dalla magistratura; per Rocco, invece, è l'inizio di un viaggio che lo porterà, attraverso strade in salita, verso la libertà.

(none)

Torna su