Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

A modo mio St 2018 La storia di Silvia Calderoni

La puntata è dedicata alla performer Silvia Calderoni, un'attrice teatrale romagnola di 36 anni. Da piccola suo padre cercava di renderla più femminile mettendole gli orecchini e facendole crescere i capelli, secondo schemi in cui lei non si riconosceva. Fisico androgino unito ad una dolcezza e movenze femminili, nell'adolescenza si sente diversa dalle sue coetanee che vede nello spogliatoio di atletica, alle quali crescono i seni e si ammorbidiscono i fianchi. Non ha fortunatamente percepito come un difetto il suo modo di essere non comune, grazie all'aiuto del teatro, in cui ha cominciato a lavorare a diciassette anni. Un luogo di espressione libera che negli anni '90 vive in Emilia Romagna un momento storico di grande produzione artistica: Fanny Alexander, Teatro della Valdoca, Motus, Teatro delle Albe, erano tutti di quella zona. Silvia si trasferisce a Roma nel periodo dell'occupazione del teatro Valle e lì conosce l'amore di Ilenia e per lei si trasferisce nella capitale, al Pigneto, dove si sente pienamente a casa. Soprattutto da Tuba, un locale sull'isola pedonale del quartiere, aperto da un gruppo di femministe e lesbiche che tra le tante attività lotta contro le discriminazioni di genere e l'orientamento sessuale. Essere queer per Silvia è un'urgenza politica, è il suo stesso corpo ad essere politico, soprattutto nel momento in cui l'espressione teatrale le permette di manifestarsi nella sua integrità.

Torna su