Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Tv7 St 2017/18 Puntata del 13/04/2018

IL GIOCO DEL DOPING - Ormoni della crescita, microdosi di Epo, anfetamine e medicinali oppiacei. È sterminata la collezione di farmaci che gli sportivi hanno a disposizione per modificare il fisico e le prestazioni. PAURA E OMERTA' - Dopo l'autobomba di Limbiadi, in Calabria, che ha ucciso un candidato alle ultime elezioni comunali, riflettori puntati sulla potente famiglia dei Mancuso e sul clima di terrore e di omertà che rende persino difficile pronunciare la parola 'ndrangheta. ARMATO DI PAROLE - Cronista scomodo il giornalista Paolo Borrometi, direttore del sito d'inchiesta 'LaSpia.it', da tempo nel mirino della mafia e per questo sotto scorta, come altri 18 giornalisti italiani, a Tv7 dice: "Non è coraggio il mio, ma passione". POTERE DEI DATI - All'inizio Facebook con milioni di utenti i cui dati sono stati trasferiti alla società Cambridge Analytica e utilizzati per inviare messaggi elettorali mirati a condizionare il voto. Poi Amazon e infine YouTube, proprietà di Google, che raccoglierebbe informazioni di minori per indirizzare loro pubblicità mirate. IL MESTIERE DI AIUTARE - L'associazionismo dal basso è l'ultima frontiera del volontariato internazionale: sono sempre di più le persone che si impegnano in prima persona senza delegare alle organizzazioni tradizionali. IL DILEMMA DI MAJA - Accettare il ritorno dei foreign fighters pentiti? Per Maja, madre di una di loro, è un vero dilemma tra il desiderio di riabbracciare la figlia Mandy, fuggita dall'Olanda 9 anni fa, la e la paura che sia una terrorista. OCCHIO, CUORE, MENTE - Con l'occhio, la mente e il cuore si possono realizzare foto artistiche. Ne è convinto Gian Paolo Barbieri, che a 80 anni ha dato vita a una Fondazione a Milano per mettere a disposizione il suo immenso archivio: un milione di negativi. SOLENGHI L'ISTRIONE. Un ritratto intenso e profondamente umano del grande compositore Mozart, un progetto originale che Tullio Solenghi porterà in scena, accompagnato dal Trio D'Archi di Firenze.

Torna su