Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Passato e Presente St 2017/18 Le radio dell'Italia liberata

Estate 1943. Da quando l'esercito alleato sbarca coi primi mezzi in Sicilia, il comando americano per la guerra psicologica comincia a lavorare per diffondere tra gli italiani la convinzione che gli Alleati sono "i buoni", i liberatori. Lo faranno attraverso i giornali e, soprattutto, la radio, utilizzando quel che resta delle apparecchiature dell'EIAR in gran parte distrutte dai tedeschi durante la ritirata. In questa puntata di "Passato e Presente", Paolo Mieli ne parla con la professoressa Silvia Salvatici. La prima stazione che comincia a trasmettere nell'Italia liberata è Radio Palermo, con diffusione regionale. Seguita, dopo l'8 settembre, da Radio Bari che raggiunge il nord Italia e l'altra sponda dell'Adriatico. Vi convergono intellettuali e scrittori di idee antifasciste fuggiti da Roma, che insieme alla musica e all'intrattenimento, inviano in tutta Italia, notizie dal fronte, messaggi ai partigiani e inviti al sabotaggio del nemico. In pochi mesi, a seguito dell'avanzata alleata iniziano le trasmissioni Radio Napoli, Radio Roma, Radio Firenze. Trasmettono agli italiani un nuovo stile nel giornalismo e la passione per lo swing e formano i talenti che diventeranno i protagonisti dell'intrattenimento e dell'informazione nazionale della nuova Rai, dopo la Liberazione.

Torna su