Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Passato e Presente St 2017/18 La battaglia di Stalingrado

Nella tarda estate del '42, a circa un anno dall'inizio dell'Operazione Barbarossa, la Wehrmacht nazista arriva alle porte di Stalingrado, considerata obiettivo chiave per il suo ruolo nell'apparato industriale dell'Unione sovietica. Hitler ordina ai generali di conquistare il più velocemente possibile la città che porta il nome del suo acerrimo nemico, in modo da poter puntare agli immensi giacimenti petroliferi del Caucaso e risolvere la penuria di carburante che attanaglia il suo esercito. Un momento cruciale della Seconda Guerra Mondiale che Paolo Mieli approfondisce con il professor Alessandro Barbero in questa puntata di "Passato e Presente". Le speranze tedesche di una rapida avanzata si scontrano contro la strenua resistenza dell'Armata rossa che si difende strada per strada, casa per casa, fino a rompere l'assedio e ad accerchiare a sua volta i tedeschi e i suoi alleati, tra i quali c'è anche il contingente italiano. Da Stalingrado, nel febbraio del '43, inizia la travolgente avanzata dell'esercito russo che lo porterà, due anni dopo, alla conquista di Berlino e alla definitiva sconfitta del nazismo.

Torna su