Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Passato e Presente St 2017/18 Il maggio francese

Nella Francia del 1968 fermenti e tensioni che covano da tempo esplodono in una dura contestazione che ha nei giovani e negli studenti delle università il motore principale. In questa puntata di "Passato e Presente", Paolo Mieli e il professor Gilles Pècout partono dalla scintilla iniziale, che scocca il 22 marzo all'Università di Nanterre, sobborgo a ovest di Parigi. Si protesta contro la riforma universitaria e le rigide regole in vigore nel campus. In breve la miccia accesa a Nanterre si propaga a Parigi dove gli studenti occupano la Sorbona. Il 3 maggio lo sgombero degli occupanti provoca i primi scontri tra studenti e forze dell'ordine. Violenti incidenti e cortei infiammano le vie e le piazze della Capitale. La Francia sembra sull'orlo dell'insurrezione fino alla presa di posizione di De Gaulle e alle contro-manifestazioni che mettono fine alla fase più dura della protesta. Ma il maggio francese è tutt'altro che sconfitto. I fermenti di partecipazione e di impegno di quei giorni di maggio segnano un passaggio epocale nella storia del Novecento.

Torna su