Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il men? in alto a destra

MARIANGELA! Gli anni 1975 - 1989

Dalla metà degli anni Settanta il talento di Mariangela Melato ha la sua consacrazione, su più fronti. Un periodo raccontato dal secondo appuntamento con "Mariangela!", il programma di Rai Cultura firmato da Fabrizio Corallo e realizzato da 3D Produzioni, in onda su Rai Storia. Ospiti di Lella Costa, in studio, Renzo Arbore, Annabella Cerliani, Giovanna Guida, Maurizio Porro, Maurizio Nichetti. Nel 1974 Gianfranco De Bosio scrittura la Melato per il ruolo della principessa Bithia nel kolossal internazionale "Mosè", mentre al 1975 risalgono la versione televisiva di una celebre "Orestea" e la versione tv di "Orlando Furioso" realizzata sempre da Ronconi. Ma il 1975 consacra il talento brillante della Melato anche con due apparizioni cinematografiche in commedie di grande successo: "La poliziotta" di Steno e un episodio di "Di che segno sei?" di Sergio Corbucci in cui recita e balla il rock'n roll con Adriano Celentano. Nel 1977 ancora un confronto con la commedia brillante in "Il gatto" di Luigi Comencini con Ugo Tognazzi al suo fianco, come avviene anche nel film corale 'Casotto' di Sergio Citti. Nel 1979, poi, l'attrice dà vita a due ruoli memorabili in due film di autori impegnati come Giuseppe Bertolucci, "Oggetti smarriti", e Franco Brusati "Dimenticare Venezia". Per quanto riguarda le apparizioni in tv un grande successo personale arriva grazie al varietà di Antonello Falqui "Al Paradise", mentre negli anni successivi il ritorno al teatro è scandito da tre notevoli spettacoli in cui viene diretta da Giancarlo Sepe: "Vestire gli ignudi" di Pirandello, (1985), "Medea" di Euripide (1986) e "Anna dei miracoli" di William Gibson (1988).