Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Provincia capitale St 2017/18 Prato - 18/03/2018

La capitale dei mercanti, del genio pittorico di Fra Filippo Lippi, della "Guardia del Fuoco" e della penna ironica e istrionica di Curzio Malaparte. E dei cinesi d'Italia. Edoardo Camurri, va alla scoperta di Prato. Ad accompagnare Camurri nella città toscana è il filologo classico Dino Baldi che descrive l'anima di Prato in tre parole: scantonamento, guadagno, spaesamento, oltre a proporre un ritratto dei pratesi secondo Curzio Malaparte. Protagonisti anche il giornalista locale de La Nazione Piero Ceccarelli, Giampiero Nigro, docente all'Università di Firenze, che racconta il mercante pratese del Trecento Francesco Datini e la scrittrice Simona Baldanzi, che si sofferma sulla figura di Gaetano Bresci, pratese e regicida di Umberto I re d'Italia, il 29 luglio 1900. Non manca, inoltre, l'arte - tra antico e avanguardia - con il ciclo pittorico di Fra Filippo Lippi nel Duomo di Prato spiegato dall'architetto Claudio Cerretelli, e con il Centro Pecci per l'Arte Contemporanea, illustrato dalla presidente, Irene Sanesi. Ma Prato vuol dire anche Cina: con il venti per cento della popolazione di origine cinese, la città è la terza in Europa per numero di abitanti che provengono dalla terra della Grande Muraglia. Edoardo Camurri incontra uno di loro. In chiusura il "Quiz Stop": protagonista Roberto Benigni e il Cioni Mario di "Berlinguer ti voglio bene".

[an error occurred while processing this directive]

Torna su