Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Passato e Presente St 2017/18 Il '68 nei Paesi dell'Est

Il 1968 nei paesi socialisti dell'est Europa non è solo la Primavera di Praga. Anche a Varsavia e Belgrado, come in altre città di Cecoslovacchia, Polonia e Jugoslavia gli studenti scendono in piazza e danno vita a vivaci contestazioni, come i loro coetanei delle democrazie occidentali. In questa puntata di "Passato e Presente", Paolo Mieli ne parla con il professor Guido Crainz. Gli studenti protestano per migliorare le loro condizioni, ma anche per cambiare la società. Chiedono più libertà di espressione e più democrazia. Ma mai le loro rivendicazioni assumono toni anticomunisti o si trasformano in tentativi eversivi. Sventolano bandiere rosse e agitano i ritratti di Marx, Lenin e Che Guevara, ma chiedono più giustizia sociale, in paesi dove lo strapotere degli apparati burocratici ha prodotto diseguaglianze. Le loro battaglie vengono represse più o meno brutalmente e si chiudono tutte nell'arco di pochi mesi. Ma in molti casi lasciano il terreno fertile per le opposizioni che si organizzeranno negli anni successivi, se è vero che Solidarnosc ha in qualche modo le sue radici nel '68 polacco.

Torna su