Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Passato e Presente St 2017/18 Gino Bartali: il Giusto nazionale

Tra il 1934 e il 1954, Gino Bartali è per tutti l'asso del ciclismo italiano, e per Bartali il ciclismo è quasi una vocazione monastica. Con questo credo durante gli anni terribili della Seconda Guerra Mondiale, Ginettaccio, come è anche chiamato, salva 800 ebrei dalle deportazioni. La Delegazione per l'Assistenza degli Emigranti Ebrei, è un'organizzazione di resistenza formata da attivisti cattolici. Tra loro c'è anche Bartali, che tra l'autunno del 1944 e l'estate del 1945 si mobilita per fornire aiuti concreti percorrendo la tappa più importante della sua vita: quella da Firenze ad Assisi. Quasi quattrocento, tra andata e ritorno, sono i chilometri che percorre ogni volta per raggiungere la cittadina umbra, dove la tipografia clandestina della famiglia Brizzi stampa i documenti falsi destinati agli ebrei. Con queste nuove identità centinaia di famiglie riescono a salvarsi. Gino Bartali diceva "il bene si fa, ma non si dice" e per quel bene fatto ma non detto, nel 2013, è diventato Giusto tra le nazioni. Nel settembre del 2013 infatti, lo Stato di Israele gli conferisce il massimo riconoscimento: un albero in suo onore nel Giardino dei Giusti dello Yad Vashem. "Passato e presente" propone anche una visita al Museo della Memoria di Assisi, dove sono custodite le tracce di quell'impresa del grande ciclista.

Torna su