Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Le parole di Borsellino St 1989 Speciale Tg1: La borsa della mafia

Borsellino racconta di Vincenzo Sinagra, un pentito che diceva di non rinunciare, finanche nel momento di maggiore floridezza dei suoi affari illegali, al pizzo e all'estorsione condotti negozio per negozio in quanto simbolo di affermazione sul territorio, al cui dominio la mafia è strettamente correlata. Borsellino parla poi del sistema delle estorsioni mafiose che, per sua natura, non consente sempre di distinguere fra il colpevole e la vittima: quando dei capitali "sporchi" vengono investiti insieme con quelli "puliti" per farli fruttare entrambi, anche la vittima può trarne vantaggio. E, in ogni caso, "chi non si presta, può morire".

Torna su