Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il men? in alto a destra

Mamma, cuore della famiglia - Sulla Via di Damasco del 14/01/2017 St 2016/17 - Puntata del 14/01/2017

Il programma di Mons. Giovanni D’Ercole e Vito Sidoti, si occuperà della figura della mamma, il mestiere più difficile, in onda sabato 14 gennaio, alle 7.30, su Rai2. “Mamma, il cuore della famiglia,” è infatti il titolo della puntata dedicata alla figura materna, al ruolo all’interno della famiglia, della società, della Chiesa. Le mamme sono testimoni di quella forza morale fondamentale in momenti di crisi e di dolore. Ospiti in studio Gianluigi De Palo, Presidente Forum Associazioni Familiari, e Anna Chiara Gambini, sposati con quattro figli, con i quali Mons. D’Ercole affronterà il tema della genitorialità, quella della coppia coniugale, tra sfide educative e nuovi modelli culturali, sullo sfondo di una società post moderna che sembra sancire il tramonto dei valori tradizionali di famiglia, a vantaggio dell’individualismo e del relativismo. Tra i contributi video, le testimonianze di alcune operatrici dell’Associazione Meta Cometa di Giarre (CT), madri per scelta più che per condizione biologica, che assumono funzioni genitoriali nei confronti di minori in difficoltà, secondo lo spirito di famiglia nello stile di Don Bosco. Una rete di piccole strutture residenziali con nuclei familiari, fondata da Salvatore Adamo, grazie alla quale molti bambini tornano alla normalità della vita. Seguirà un frammento dell’omelia di Papa Francesco dello scorso 1 Gennaio, in occasione della Solennità di Maria SS.ma Madre di Dio, dove ribadisce che “la madre è l’antidoto più sicuro contro l’individualismo.” L’ultimo servizio affronterà la storia di fede di Chiara Corbella, una madre coraggio che, nonostante la grave malattia, ha accettato la gravidanza, superando molte paure legate alla cura per non compromettere la salute del figlio Francesco. Una madre eroica che ha scelto di accogliere la vita del figlio anche andando incontro alla morte.