La libertà di Bernini Bernini e la città (1655 - 1669)

ItaliaEp 6
La cometa di Cristina di Svezia brilla sulla Porta del Popolo; dieci angeloni planano sul ponte, di fronte alla Mole Adriana; una foresta di colonne avvolge Piazza San Pietro. Bernini la reinventa Roma, interagisce con gli spazi, mischia le carte, confonde verità e finzione, interno ed esterno. La Cattedra piantata nell'abside di San Pietro come una visione del Paradiso; un imperatore romano, Costantino, che cavalca nei corridoi del Vaticano; un elefante, alle spalle del Pantheon, si carica un obelisco sulla groppa. Di più: Bernini disegna gli interni come se fossero spazi aperti e gioca con la luce: al centro della Sala Ducale, nel cuore del Vaticano, un gruppo di angeli bambini sventolano un ampio panneggio e la chiesa di S. Andrea al Quirinale si muove come una vorticosa spirale. Vero e falso, realtà e rappresentazione, sono ormai categorie dello spirito.
Vai al titolo