Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

L'erba dei vicini St 2015/16 Israele

Demografia, capacità di innovare e laicità. Sono queste le chiavi di lettura per capire meglio cosa avvicina e cosa divide l'Italia da Israele. Succede a "L'erba dei vicini", il programma condotto da Beppe Severgnini. Tra le interviste esclusive quelle con Tzipi Livni, già ministro degli Esteri e membro della Knesset, il parlamento israeliano; Etgar Keret, scrittore e regista; Moni Ovadia, attore e drammaturgo. Tra gli argomenti di dibattito, in primo piano, la questione israelo-palestinese che Beppe Severgnini affronta al suo "tavolo d'erba" con Sergio Della Pergola, il più grande esperto demografo ebraico a livello mondiale, docente all'Università Ebraica di Gerusalemme. Il confronto si gioca, inoltre, sulla laicità. È più facile la vita di un laico in Italia o in Israele? Ne parlano l'attrice Lella Costa e il giornalista Gad Lerner, mentre un reportage realizzato in Israele accende il riflettori sulle coppie che per sposarsi civilmente sono costrette a celebrare il matrimonio a Cipro, sullo "Shabbus", il solo autobus che viaggia il sabato e su un cimitero laico, realizzato all'interno di un kibbutz. Sul fronte dell'innovazione, i due Paesi offrono numerosi esempi di start up. In Israele in primo piano gli allevamenti di cavallette da usare per l'alimentazione, le stampanti tascabili e uno zainetto-paracadute. In Italia l'invenzione di un anello che spiega l'arte ai ciechi, una barca pieghevole e un amplificatore musicale realizzato con marmitte di Formula 1. Largo, infine, ai ragazzi. Il più giovane insegnante d'Italia e una brillante italo-israeliana cercheranno di chiarire se è meglio avere 21 anni in Italia o Israele.

Torna su