Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Storie maledette St 2014 In cerca d'aria libera, Rosa è fuggita - Rosa Della Corte

E' di Casandrino, che è provincia di Napoli, Rosa Della Corte. E lo splendore di quella sua insolente bellezza, illuminava quella periferia dove il sole fatica a penetrare e veloce al tramonto si spegne. Affascinante, ribelle, trasgressiva, aveva poco più di 18 anni Rosa Della Corte, nel 2003, quando entra in carcere col peso di un'accusa atroce, quanto densa di mistero: con due coltellate al petto, aveva ucciso il fidanzato Salvatore Pollasto, 21 anni, militare in servizio di leva, ragazzo di esemplare virtù. Questa l'accusa per quel delitto. Un'accusa, una colpa che Rosa ha sempre disperatamente negato. Per Rosa, sono 18 gli anni di carcere da scontare. E il carcere, lei - turbolenta e indomabile - l'ha sempre vissuto come una violenza difficile da sopportare. Ma è proprio il carcere che le regala un nuovo amore. Lo incontra in parlatorio, quel suo nuovo ragazzo. E con lui fugge, a fine agosto 2014, a conclusione di una licenza premio di sei giorni. Cosa sia accaduto a Rosa durante quella fuga, quale sia il destino di quel suo nuovo amore, lo ricostruisce Franca Leosini in questa puntata, durante la quale viene anche riproposta la straordinaria intervista, nella quale Rosa - bellissima, ribelle, spregiudicata - racconta la sua verità per quella torbida storia di sesso e di sangue.

Torna su