Per una completa fruizione ti consigliamo di utilizzare l'app RaiPlay o di aprire la pagina con il tuo browser di sistema utilizzando il menù in alto a destra

Radici St 2014 Brasile: Maristela Goncalves - 20/06/2014

Dici Santos, Brasile, e più che alla città pensi a Pelè, che giocò in questa squadra per diciotto anni. Ma Santos è anche il luogo dove è vissuta a lungo Maristela Goncalves, la protagonista del primo appuntamento con la nuova edizione di Radici, laltra faccia dellimmigrazione. Oggi Maristela abita a San Mauro Torinese, alle porte di Torino e torna con Demichelis nel suo Brasile: un viaggio che parte dallo stadio di Santos, tra calciatori, tifosi e Didì, il parrucchiere di Pelé, che commenta a modo suo il mondo nel pallone: Il taglio di capelli di Pelè? Lho inventato io cinquantanni fa: alti davanti e più corti dietro. Lui, anche ora, continua a tornare qui e parliamo di calcio. Anche se per me che un tempo andavo a tutte le partite del Santos e oggi mi limito a seguirle in tv il calcio una volta era più passione e amore per la maglia. Oggi è amore per il denaro. Ed è ancora il calcio tra sviluppo e povertà delle quali il Mondiale ha fatto esplodere la contraddizione - a portare i due viaggiatori sulle splendide spiagge della città, ma anche in una delle favelas più pericolose del mondo: Jardim Nakamura.Nel percorso alla riscoperta delle proprie radici, infine, Maristela torna nel Parco della Jureia, foresta Atlantica, nella scuola dove ha insegnato. E qui ritrova i parenti nella città natale, Tupà. Dopo la storia di Maristela Radici racconterà quelle di di Saba Anglana, cantante e attrice italo-somalo-etiope; di Malia Zheng, una giovane cinese, immigrata di seconda generazione, che parla un perfetto fiorentino; e di Coumbaly Diaw che viveva a Parma, ma è tornata in Senegal per mettere a frutto quanto imparato in Italia.

Torna su